Archive Page 2

Sms killer per molti telefoni nokia

Come molti sanno le email possono essere inviate via SMS, selezionando l’apposita opzione nel menù del proprio cellulare. Bisogna, generalmente, formattare il messaggio come segue:

<email-destinatario><spazio><messaggio>

Se <email-destinatario> contiene più di 32 caratteri i telefoni nokia S60 2.6, 3.0 e 3.1 non saranno più in grado di ricevere SMS o MMS. In particolare i dispositivi con versione 2.6 e 3.0 si bloccano dopo un solo messaggio killer, i dispositivi con versione 2.8 e 3.1 dopo 11 messaggi. Ecco una dimostrazione video.

L’unica cura a questo male, al momento, sembra un ripristino delle impostazioni iniziali (quelle di fabbrica).

Per ulteriori dettagli vi rimando al sito di colui che ha scoperto questa vulnerabilità. In ogni caso sappiate che se ricevete uno sms-tipo-email da un mittente “123456789@123456789.1234567890123 “, sappiate che probabilmente il vostro telefono è compromesso. Inoltre se utilizzate la PC Suite per fare backup periodici del vostro telefono e, malauguratamente, fate backup dello sms killer, al ripristino caricherete sul vostro dispositivo anche lo sms killer rendendo inutile il factory reset.

Fortunatamente, heise security, segnala che Fortinet ha sviluppato un software capace di eliminare lo sms killer senza la necessità del reset.

Segue lista di disposivi vulnerabili:

S60 3rd Edition, Feature Pack 1 (S60 3.1):
Nokia E90 Communicator
Nokia E71
Nokia E66
Nokia E51
Nokia N95 8GB
Nokia N95
Nokia N82
Nokia N81 8GB
Nokia N81
Nokia N76
Nokia 6290
Nokia 6124 classic
Nokia 6121 classic
Nokia 6120 classic
Nokia 6110 Navigator
Nokia 5700 XpressMusic

S60 3rd Edition, initial release (S60 3.0):
Nokia E70
Nokia E65
Nokia E62
Nokia E61i
Nokia E61
Nokia E60
Nokia E50
Nokia N93i
Nokia N93
Nokia N92
Nokia N91 8GB
Nokia N91
Nokia N80
Nokia N77
Nokia N73
Nokia N71
Nokia 5500
Nokia 3250

S60 2nd Edition, Feature Pack 3 (S60 2.8):
Nokia N90
Nokia N72
Nokia N70

S60 2nd Edition, Feature Pack 2 (S60 2.6):
Nokia 6682
Nokia 6681
Nokia 6680
Nokia 6630

Riferimenti:

Annunci

A 2024 si parla di NGN

Vi invito a non perdere l’ultima puntata di 2024 in cui si parla, fra le altre cose, di NGN.

Grillo, google e censura: TUTTE FESSERIE

L’antefatto è disponibile qui.

Il suggerimento «grillo» dopo «beppe» è ora visualizzato. La prova di quanto dicevo: è tutta questione di keyword e rilevanza. Tante persone hanno ricercato beppe+grillo, la keyword ha assunto rilevanza, la keyword è mostrata nei suggerimenti. Parlare di complotto è servito solo ad aumentare la visibilità del sito, una abile azione di marketing si potrebbe dire.

screenshot-google-mozilla-firefox1

Grillo, google e censura: Fesserie?

Leggo con rabbia l’ultima trovata, a mio avviso tutta pubblicitaria, di Beppe Grillo, il quale si lamenta che il suo nome non appare nei suggerimenti di ricerca. Un esempio e visibile qui sotto:

Per questo motivo il comico genovese utilizza, a mio avviso a sproposito, la parola censura. Mi vengono in mente diversi motivi per i quali google italia non abbia alcun interesse, in quanto azienda, a censurare beppe grillo ed il suo sito.
In primo luogo Grillo utilizza a piene mani i servizi di google quali youtube e google maps quindi dal suo sito partono tanti visitatori verso i servizi di big G e questo significa altrettante views agli annunci pubbliciatari presenti negli stessi. Quindi a google fa molto comodo che il signor Grillo utilizzi nei propri post i suoi servizi perchè appunto risce a veicolare pubblicità.
In secondo luogo applicare una vera censura provocherebbe un serio danno di immagine al motore di ricerca che da sempre ci rifila il suo motto don’t be evil.

Ma andiamo oltre: diamo un’occhiata al trend delle ricerche sulle parole «beppe grillo» negli ultimi 12 mesi, utilizzando Google Trends (o alexa):

Google Trends

Come si vede il numero di ricerche per le parole chiave «beppe grillo» è in flessione rispetto al primo quadrimestre dell’anno. Ciò probabilmente significa che, secondo le metriche di Google, la parola «grillo», dopo la parola «beppe» non è quella che con maggiore probabilità il visitatore vorrà utilizzare nelle proprie ricerche. Pertanto essa è eliminata dalla piccola lista di suggerimenti che Google ci mette a disposizione per facilitare le nostre ricerche. Tutto ciò va sotto il nome di rilevanza non censura (morbida o no). Se la cosa non sta bene al signor Grillo deve assumere qualche esperto di SEO e far si che il sistema di ranking di Google giudichi più rilevante il suo sito e le relative parole chiave «beppe» e «grillo». Piagnucolare utilizzando la censura come spauracchio non serve a nulla se non a far parlare di se, e ad aizzare quella parte di sostenitori di Grillo (di cui lui è ben conscio) i quali si sentono realizzati dal bobardare di email l’obiettivo del momento e magari si divertono a qualche atto «offf-line» che puzza di ritorsione.

Dico questo perchè tutta questa faccenda ricalca pari pari la questione della grande causa iniziata da Mediaset contro Youtube e l’altrettanto famosa richiesta di risarcimento. Mediaset in quell’occasione utilizzò come consulente di parte il famoso Matteo Flora il quale, da professionista quale è, fece il suo bravo lavoro e consegnò a Mediaset il risultato della sua indagine. Ecco da qual momento il signor Flora dovette, suo malgrado, essere protagonista di molte e spiacevoli situazioni in quanto additato da Grillo come una spece di anticristo della libertà in rete. Tutto questo solo per aver svolto il proprio lavoro. Se siete interessati a qualche dettaglio su questa storia vi consiglio la lettura di queste FAQ.

Concludendo il mio personale consiglio è sempre la massima criticità verso le «notizie bomba» farcite di toni scandalistici, chiunque sia a darvele.

Aggiornamento 29/12/2008

Come immaginavo questo mio articolo era destinato a fare scalpore. Qui riporterò le domande che emergono nei commenti con le mie risposte. Capisco la diffidenza nelle mie argomentazioni, non mi aspetto che ne il pubblico di questo blog, ne il pubblico di quello di Grillo abbia una minima idea di cosa sia un motore di ricerca o di come funzioni. Confido tuttavia nel buonsenso e nel senso critico di chi legge.

FAQ 1: Perchè il suggerimento «grillo» dopo «beppe» viene fuori nelle versioni non italiane di Google?

RISPOSTA: I suggerimenti di ricerca sono utili al motore di ricerca al fine di meglio «comprendere» il bisogno informativo dell’utente. Questo perchè il motore di ricerca – da ora MDR – non comprende il significato delle parole, non conosce la semantica, ma solo la forma: ciò singnifica che per un MDR la parola beppe è niente altro che la sequenza b-e-p-p-e. Fatta questa prenessa andiamo avanti: come detto sopra, secondo metriche interne (e in buona parte non note), Google sceglie quelle parole chiave da suggerire al fine di guidare da una parte la ricerca dell’utente, dall’altra la scelta dei risultati (il ranking degli stessi).
Le versioni internazionali di google, probabilmente, ritengono che un visitatore sia molto probabilmente intenzionato alla ricerca beppe+grillo rispetto a beppe+<altra parola chiave> proprio grazie al grande successo internazionale del blog. Inoltre quanti «beppe» pensate ci siano in Inghilterra o in USA? Pochi a mio avviso, pertanto la rilevanza della parola «grillo» sale molto e viene inclusa in quella piccola lista di suggerimenti.

In Italia, invece, ci sono molti più «beppe» e vi è una specie di concorrenza fra le parole chiave. Per questo, probabilmente, la rilevanza della parola «grillo» ed il suo potere discriminatorio sui risultati non è tale da superare quella soglia necessaria per essere inserito nella lista dei suggerimenti. L’esempio di Google trends non voleva essere una prova scientifica del mio ragionamento ma piuttosto una idea abbastanza comprensibile di come vanno le cose in un MDR: dubito che se avessi fatto un discorso più tecnico sarei stato compreso allo stesso modo.

Inoltre, leggendo la definizione di «censura», sul De Mauro:

controllo esercitato da un’autorità civile o religiosa su pubblicazioni, spettacoli, mezzi di informazione, per adeguarli ai principi della legge, di una religione o di una dottrina morale: c. repressiva | l’ufficio dei funzionari che provvedono a tale controllo

ci si rende conto che il termine è utilizzato a sproposito  in quanto la query «beppe» su google italia restituisce come primo risultato il blog del comico genovese. Ripeto, il termine corretto è rilevanza, non censura. Coloro i quali sono dietro al blog del comico devono industriarsi per fare in modo che la rilevanza della perole chiave associate al blog di Grillo sia tale da rientrare nei suggerimenti.

Aggiornamento 29/12/2008 ore 11.45

Il suggerimento «grillo» dopo «beppe» è ora visualizzato. La prova di quanto dicevo: è tutta questione di keyword e rilevanza. Tante persone hanno ricercato beppe+grillo, la keyword ha assunto rilevanza, la keyword è mostrata nei suggerimenti. Parlare di complotto è servito solo ad aumentare la visibilità del sito, una abile azione di marketing si potrebbe dire.

PS: prego i visistatori che vogliano lasciare commenti ad essere rispettosi.

Anteprima The Internet Show

In attesa del video completo ecco una anteprima del famoso Internet show by Montemagno registrato il 3 Ottobre.

[Via Blogosfere]

Tecnofobi

Segnalo una interessante iniziativa di Marco Camisani Calzolari: Tecnofobi. E’ un sito che raccoglie articoli di stampa italiana che trattano di tecnologia (e di Internèt ) con le solite esagerazioni ed iperboli. Sia chiaro: un fondo di verità c’è in questi articoli, tuttavia il modo veramente bizzarro in cui sono riportati fa cadere in secondo piano quel seme di verità.

L’iniziativa è aperta al contributo di tutti, quindi se trovate qualche articolo strano strano segnalatelo!

Carrellata di patch per prodotti microsoft

Un bel gruppo di prodotti Microsoft devono essere sottoposti ad aggiornamenti di sicurezza, come suggerisce il bollettino microsoft di Dicembre.

Prodotti vulnerabili:

Nel caso non si voglia procedere all’aggiornamento di tutti i prodotti è consigliabile privlegiare quelli segnati in rosso in quanto le vulnerabilità da cui sono affetti sono classificate come highly critical o extreme critical.


Categorie

Archivio

Dona a Wikipedia

Wikipedia Affiliate Button

Technorati

Add to Technorati Favorites

No DPI

Blog Stats

  • 3,630 hits
settembre: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930