Beppe Grillo si unisce nella protesta Blogger VS Vespa

Anche Beppe Grillo si unisce nell’aspra protesta che si è diffusa nel web a seguito della puntata di porta a porta della quale il video è parte. Fra i blog che leggo (devo ancora sistemare il blogroll) il primo a mostrare il proprio dissenso è stato Matteo Flora di lastknight.com il cui articolo riporta passo passo i discorsi assurdi e le tesi altrettanto infondate che hanno sostenuto gli ospiti del programma. Dopo pochissimo tempo Stefano Quintarelli ed altri illustri professionisti, molto attivi anche in rete, hanno scritto ed inviato una lettera aperta al giornalista-sarto [1] vespa (l’iniziale minuscola è intenzionale) che vi consiglio vivamente di leggere con attenzione. Il mio commento a tale lettera è stato quello di uno che non si è affatto meravigliato di ciò che era accaduto:
Condivido totalmente il contenuto della vostra lettera e, dato il calibro dei firmatari, spero che il messaggio in essa contenuta sia recepito. E’ davvero vergognoso che ogni volta che i media «main stream» parlino di internet si va sempre a finire alla pedopornografia oppure a sproloqui come quello fatto durante porta a porta (p@p): non se ne può più. Secondo me la lettera dovrebbe essere mandata per conoscenza anche ai direttori dei maggiori TG in modo che anche essi riflettano.
D’altra parte da vespa (l’iniziale è volutamente minuscola), giornalista-sarto, non potevo attendermi alcun tipo di obiettività. Credo che Mantellini non abbia di che temere circa una trasmissione riparatoria pro blog (magari con un plastico della blogosfera).
Se così fosse dovrebbe fare tante di quelle rettifiche che sarebbe impegnato per almeno un paio di anni.
Perdonate lo sfogo

D’altra parte cosa potevamo aspettarci da vespa e dai suoi ospiti? Non certo obiettività e conoscenza degli argomenti di cui si discute, sarebbe chiedere troppo! Tutto fa brodo quando si tratta di aumentare il pathos e la carica emotiva di eventi tristi, i quali non mancano mai a porta a porta. In uno scenario dove “Internet e’ l’anticamera della prostituzione giovanile” come non descrivere lo strumento blog come mezzo per avviarsi a tale prostituzione? Il discorso non fa una piega. Certo, nessuno nega che questo strumento si presta anche ad usi «particolari»: qualcuno forse ricorderà l’enorme successo che, qualche anno fa, ebbe una ragazzina esibizionista (il nick ora mi sfugge) che iniziò a pubblicare sul suo blog foto di nudo semi integrale. Divenne in una settimana il blog più cliccato d’Italia e per questo poco dopo fu chiuso dal fornitore di servizi. Tuttavia da qui ad affermare che lo strumento blog serve praticamente solo a questo ce ne passa! Non dimentichiamoci che la stessa Microsoft Italia ha da poco varato una piattaforma di blogging aziendale, MClips, come nuovo strumento di comunicazione fra l’azienda e i suoi clienti. E come Microsoft Italia tantissime altre realtà utilizzano il blog come straordinario strumento di comunicazione diretta, senza interlocutori. Questo è il significato della lettera aperta di Quintarelli & CO, come Quintarelli stesso precisa in questo intervento.

Come mai io, un signor nessuno, conosco le diverse sfaccettature del fenomeno blog ed una persona che dovrebbe fare il giornalista ne conosce solo una parte, quella meno interessante?Bah, misteri del giornalismo italiano.

Vi segnalo, inoltre, l’episodio tre del videopodcast di Matteo Flora nel quale egli parla di una vera e propria guerra che è in atto fra l’informazione «main stream» e quella che viaggia sulla rete. L’informazione classica si sente attaccata da questo nuovo modo (nuovo per l’Italia) di apprendere le notizie: bisogna correre ai ripari, denigrare, mistificare.

[1] Vi ricordate l’intercettazione telefonica rispetto alla puntata nella quale doveva venire Fini come ospite. Vespa disse “gliela cuciamo addosso la puntata“…un vero sarto! 🙂

Annunci

1 Response to “Beppe Grillo si unisce nella protesta Blogger VS Vespa”


  1. 1 Albert Antonini Mangia marzo 3, 2008 alle 12:54 am

    Sono convinto che l’iniziativa di Quintarelli e co. sia giusta ed equilibrata. Ritengo che la parte abitata della rete debba andare in TV da Vespa e chiarire ai suoi telespettatori che avere un blog non è un delitto!
    È necessario trasmettere loro il vero valore edificante, innovativo e sociale del Web 2.0 e fare comprendere al Vespaio i benefici di Internet e l’importanza del loro ruolo per ridurre gli effetti negativi che i nuovi sistemi di comunicazione come il Web possono avere.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Categorie

Archivio

Dona a Wikipedia

Wikipedia Affiliate Button

Technorati

Add to Technorati Favorites

No DPI

Blog Stats

  • 3,631 hits
marzo: 2008
L M M G V S D
« Ott   Apr »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: